Usare BEM con SCSS | Scrivere facilmente CSS manutenibili

Ciao! In questo articolo ho deciso di parlare di come sto approcciando ultimamente la scrittura dei miei fogli di stile, in particolare di come applicare la metodologia BEM a SCSS per facilitarmi la stesura di codice ripetitivo. Ma partiamo dalla base:

Cos’è BEM?

Per spiegare cos’è BEM partiamo dalla definizione presente su getbem.com

BEM — Block Element Modifier is a methodology that helps you to create reusable components and code sharing in front-end development

In pratica quando usiamo l’acronimo BEM non intendiamo nessun nuovo tool, framework o prodotto, bensì stiamo parlando di una metodologia per scrivere il nostro CSS in maniera corretta, riusabile e manutenibile

Se non conosci ancora questa metodologia e sei interessato ad approfondire il tutto puoi partire da qui.

Adesso andrò a sviluppare un blocco con degli elementi e modificatori e poi successivamente ti farò vedere come il tutto viene snellito tramite l’uso di SCSS.

Gestiamo i blocchi (Block)

Un “blocco” in BEM è considerato come un’entità autonoma. Non deve mai dipendere da nessun’altra parte del tuo DOM. Questo lo rende riusabile e trasferibile in qualsiasi momento.

Vediamo ora come si gestisce un blocco con del semplice CSS

Una volta definito il nostro bel blocco passiamo agli elementi (Element)

Gestiamo gli elementi (Element)

Gli elementi non sono altro che la parte di un blocco.

Esistono delle regole ben precisi per gli elementi:

  • Ogni elemento è legato semanticamente al suo blocco.
  • Ogni nodo del DOM all’interno di un blocco definito può essere un elemento.
  • All’interno di un determinato blocco, tutti gli elementi sono semanticamente uguali.

Prendiamo l’esempio di prima e aggiungiamo un elemento:

Semplice vero? Passiamo adesso ai modificatori

Gestiamo i modificatori (Modifier)

I modificatori non sono altro dei flag che possono essere applicati ai blocchi o agli elementi per definirne lo stato

In questo caso il modificatore .block--white farà diventare i blocchi a cui è applicato che di base hanno sfondo nero e colore del testo bianco, con sfondo bianco e colore del testo nero. Inizi a capire come un semplice modificatore può permetterti di “riciclare” codice HTML e CSS?

Ora logicamente ogni blocco può avere un variato numero di modificatori, che quando cresce può allungare di parecchio il nostro CSS

Quindi è giunto il momento di ottimizzare un po’ la scrittura del nostro foglio di stile e SCSS fa proprio al caso nostro

Usiamo SCSS

Rivediamo l’esempio scritto utilizzando però SCSS e l’operatore & che può venirci in soccorso

Una volta compilato il nostro codice porterà ad avere questo risultato:

Fenomenale vero? Con un singolo operatore evitiamo le ripetizioni del nome del blocco ottimizzando il tutto.

Logicamente l’operatore & non è l’unica cosa che può aiutarci nella scrittura, ricordiamoci anche che esistono le variabili!

La compilazione del codice qui sopra sarà uguale a quella riproposta prima, sta a te scegliere la strada che preferisci per ottimizzare il tutto.

Conclusione

All’inizio BEM è abbastanza odioso, ma alla fine, una volta appresa la metodologia, mi ha reso la vita  molto più semplice e il mio codice molto più manutenibile. Logicamente ci saranno altre strade per scrivere BEM in SCSS, se usi metodi alternativi, scrivili nei commenti!

Alla prossima 😀

 

The following two tabs change content below.

Riccardo Tartaglia

Campano, classe 89. Nel mio percorso lavorativo si intrecciano esperienze di Programmazione, Web Marketing, Blogging, Growth Hacking.